AntabStudio ci parla di Project Management

Set 05

Nel seminario di oggi tenuto da AntabStudio nella persona di Andrea Tabacco gli studenti della DBGA hanno affrontato il tema dello sviluppo di un videogioco dal punto di vista di uno Studio indipendente.Specificate le varie differenze tra produzioni AAA e Indie, ci si è concentrati su vari step da seguire, quali ad esempio le valutazioni preliminari, cioè focalizzazione degli obiettivi (se il gioco sarà didattico o commerciale e quindi riferito ad un determinato target), creare le condizioni di completare il progetto, individuare i punti di forza del proprio team (basando il design sulle competenze dei singoli elementi).
Secondo step è quello della valutazione economica, da non sottovalutare in fase di progettazione in modo da poter sopravvivere (come studio) fino alla fine dello sviluppo. Considerare quindi i costi delle licenze dei software da utilizzare, un giusto investimento nel marketing e nella comunicazione (forse il più importante) per poter raggiungere il pubblico.

In questa fase è bene pensare anche alla ricerca di un publisher che possa garantire la copertura dei costi di produzione tramite le advances e la gestione del marketing grazie ai propri canali. Le trattative possono richiedere anche alcuni mesi di contrattazione. Per potersi proporre ad un publisher sarebbe bene avere un track record dei propri progetti già portati a termine, senza il quale sarebbe difficile essere credibili, ma comunque è importante avere le idee chiare ed eventualmente proporsi con un prototipo/vertical slice del proprio gioco in cantiere.

In ultima istanza, la scelta del tool di sviluppo. L’engine va scelto sulla base del costo, del know how del proprio team valutando oggettivamente in maniera elastica in modo da ottenere il massimo risultato con il giusto compromesso.

Al termine dell’incontro si è tenuta una animata sessione di Q&A.