L’importanza del tool programming: lezione speciale da parte del team di Studio Evil

Lug 06

Questa mattina Luca Marchetti, CEO & Game Developer ha tenuto una lezione di approfondimento per i nostri futuri game designer, developer e artist. Oggetto del seminario: il ruolo della programmazione dei tool come collante per l’ottimizzazione delle attività del programmatore, del game designer e del level designer.

  • La viva voce di chi con fatica ha creato un team indipendente di game development ha ribadito la necessaria sinergia tra i ruoli ed un giusto spirito di collaborazione già ben chiaro agli studenti della DBGA.Luca ha portato in aula tre esempi pratici di giochi da loro prodotti: Syder Arcade (uno shoot’em up 3d con gameplay 2d), Relive (un’avvenuta grafica 3d) e Super Cane magico Zero (sviluppato grazie ad un’agguerrita campagna di crowdfunding).Tutti e tre i giochi celano lo sviluppo di un adeguato workflow e pipeline di lavoro e soprattutto l’automatizzazione di tool specifici e ideati esclusivamente per ogni gioco al fine di facilitare il duro compito del coder nell’interpretazione dei desideri e dei prototipi dei game designer.Luca ha anche portato in aula l’importanza della stesura di un corretto pitch, mostrando quanto prodotto per un lproprio progetto, ancora confidenziale, e quali siano gli elementi su cui puntare per accattivarsi l’interesse dei first party.