PROGETTARE SERIOUS GAMES PER MUSEI: ESPERIENZA DI VIRTUAL REALITY AL MUST DI MILANO

Feb 05

Il ciclo di seminari e workshop dell’anno accademico 2015-16 non poteva che terminare in una location di eccellenza: il Museo della Scienza e della Tecnica di Milano.05/02/2016

Oggetto del workshop “off-site” che ha visto coinvolti i nostri studenti, è stato lo sviluppo in virtual reality di serious games a scopo museale e culturale.

Il case specifico trattato era quello dell’esperienza immersiva ed educativa ricreata per la visita del sottomarino Toti, uno dei protagonisti navali della Guerra Fredda che dal 2006 è visibile al Museo della Scienza e della Tecnica..

Luca Roncella, Interactive Producer e Game Designer al MUST, prima di condurre, a turni, gruppi di ragazzi sul sottomarino, fa loro provare l’esperienza della visita con l’esclusiva app e relativo visore card-board di cui ha seguito lo sviluppo.

In questo modo gli studenti hanno la possibilità di confrontare sensazioni ed emozioni derivate dall’esperienza di visita fisica e da quella virtuale.

Luca termina il suo workshop con un excursus su numerose altre applicazioni e serious games prodotti e visibili all’interno del Museo, tra le quali la recente #Foodpeople: 700 mq di esposizione dedicata all’alimentazione, dove è possibile guardare con occhi diversi e toccare oggetti e tecnologie che fanno ormai parte del nostro quotidiano.