Sviluppare Virtual Reality expericences. Ludovico Cellentani racconta sfide, opportunità e best practices.

Giu 20

Nell’appuntamento di oggi con gli studenti DBGA, il tema trattato è stato: Sviluppare Virtual Reality experiences: le sfide, le opportunità e le best practices.20/06/2016

A tenere il seminario è stato Ludovico Cellentani, figura ben nota nell’ambito DBGA in quanto è stato Core Trainer per il corso di Game Programmer dello scorso anno accademico. Ludovico, vanta un’esperienza lavorativa di oltre 15 anni nell’industria dei videogame, dagli esordi a Parigi con il team Zetha GameZ fino all’esperienza attuale di Just Funny Games, azienda da lui fondata in cui ricopre il ruolo di Technical Director.

Il primo argomento trattato è stata la differenza tra realtà virtuale e realtà aumentata per poi fare una carrellata sulla storia dei visori e cenni sul loro funzionamento, ovvero come viene generata un’immagine stereoscopica. E’ seguita una prova pratica del visore Samsung Gear VR e dell’oculus dev kit 2.

Ludovico ha poi classificato le varie soluzioni orientate alla Virtual Reality e l’Augmented Reality, affrontando le problematiche e le sfide più frequenti che si presentano quando si progettano esperienze VR/AR. A seguire è stato presentato lo stato dell’arte delle soluzione tecniche per la progettazione di esperienze VR/AR.

Il Seminario ha avuto, nella sua parte conclusiva, il momento per un esempio pratico: un interessante confronto tra Unreal Engine 4 e Unity5.